Fascicoli

La rivista “atque” continua la sua pubblicazione in formato cartaceo per i tipi di Moretti & Vitali di Bergamo, ma d’ora in poi gli articoli contenuti in tutti i fascicoli – esclusi quelli degli ultimi due anni – sono leggibili (in formato pdf) su questo sito e scaricabili in maniera completamente gratuita.

Sicché i fascicoli di “atque” dal 1990 (anno della sua fondazione) sino a quelli di due anni fa sono ad accesso libero e quindi aperti a ogni forma di ricerca, mentre gli altri hanno un “embargo”, per l’appunto, di due anni – naturalmente il formato cartaceo di tutti i fascicoli rimane disponibile presso le librerie (vedi “librerie amiche”) e ordinabile all’editore (ordini@morettievitali.it).

Essendo digitalizzato l’intero archivio storico, per individuare i fascicoli cliccare su titolo del fascicolo per individuare invece gli articoli e poterne fare le ricerche sia per autore che per parola chiave, basta andare all’indice articoli e qualora interessi leggere e/o scaricare il file pdf, cliccare sul titolo.

Ricerca Fascicoli e Articoli
Tipo
Anno
Fascicolo

21 n.s./2017
VOLONTÀ.
UNA SFIDA CONTEMPORANEA

a cura di

Fabrizio Desideri e Paolo Francesco Pieri

 

PREFAZIONEFabrizio Desideri e Paolo Francesco Pieri // VOLERE E CONTINGENZA / Il soggetto del volere Carlo Sini / Rappresentazioni e narrazioni dell’azione: l’altrimenti e la decisione. Per una fenomenologia del contingente Rossella Bonito Oliva // LA NATURA DELLA VOLONTÀ / Neuroscienze della volontà e della decisioneFilippo Tempia / Volontà, libero arbitrio ed epifenomenismoMario De Caro // FENOMENOLOGIA DELLA VOLONTÀ / Intenzionalità fungente: involontarietà e impersonalità in fenomenologiaRoberta Lanfredini / Friedrich Nietzsche: critica e affermazione della “volontà” Giuliano Campioni // ANTINOMIE DELLA VOLONTÀ / Io, coscienza e volontà. La necessità del possibileAmedeo Ruberto / La dialettica della volontà e dell’involontarioGiovanni Stanghellini e Milena Mancini // UN ALTRO ACCESSO ALLA VOLONTÀ / L’evento della volontà in una prospettiva comparativa. L’azione e l’agente nella BhagavadgītāLuca Pinzolo // INDICE PER AUTORE DEGLI ARTICOLI DI “ATQUE” 1990-2017

 

 
 

[Anteprima delle prime pagine di ogni articolo del fascicolo.]

 

 

 

Tra i concetti classici del pensiero filosofico e psicologico quello di “volontà” appare oggi uno dei concetti più interrogati e messi in questione nei suoi assetti tradizionali, a partire dallo stress e alla revisione cui tali assetti sono sottoposti da parte delle nuove scienze della mente e del cervello.

Anzitutto, a essere posta in questione è proprio l’autonomia della volontà, il suo essere “causa sui” a differenza di ogni altro fenomeno naturale. Questo, sia nella concezione razionale (l’autonomia della volontà come effetto della ragione) sia nella versione per così dire decisionista e volontarista (l’autonomia della volontà come quanto riesce a sbloccare i dilemmi del puro pensare).

Secondariamente, si osserva come la volontà tragga motivo e addirittura sorga da complessi e stati emozionali, talvolta in conflitto al loro interno. Come se l’autonomia della volontà non fosse altro che l’affermarsi di uno stato emozionale su altri.

Un terzo aspetto di problematizzazione della volontà è quello relativo ai suoi correlati neurali e ai circuiti cerebrali che coinvolge. Qui uno dei temi più scottanti diviene quello del rapporto tra volontà e coscienza, nel presupposto che quest’ultima (come hanno mostrato i fondamentali studi di Libet) giunge sempre dopo che una decisione è stata presa.

A questo punto diviene quanto mai attuale, per quanto difficile da tracciare, la distinzione tra il volontario e l’involontario: quanto siamo signori e responsabili delle nostre azioni e quanto, invece, queste sono conseguenza (mediata talvolta in maniera sofisticata) da processi ed eredità culturali, sollecitazioni ambientali e scelte “storiche” precedenti, non solo di tipo individuale.

(altro…)

20 n.s./2017
IL SUONO
DELLA VOCE

a cura di

Fabrizio Desideri e Paolo Francesco Pieri

 

PREFAZIONEFabrizio Desideri e Paolo Francesco Pieri // IL TEMA / A due voci. Quasi un dialogo per nastro magnetico, Glasharmonika e rumore di fondoFabrizio Desideri // PRIMO MOVIMENTO / Tra mutoli e scilinguati: una rapsodiaSilvano Facioni / Dalla grana della voce alla grana della scrittura. Alcune riflessioni sulla parola detta e scrittaGiorgio Patrizi / Flatus Vocis. Voce e scrittura tra Jacques Derrida e Giorgio AgambenFrancesco Vitale / La voce tra sonorità e respirazione in Emmanuel Lévinas. Abbozzo di una metafisica dell’atmosferaLuca Pinzolo // SECONDO MOVIMENTO / Incunaboli esteticiEllen Dissanayake e Mariagrazia Portera / Quando un corpo incontra il linguaggio. Modulazioni vocali nella talking cureMaria Ilena Marozza / Gesti vocali. Conflitti tra mimesi e sensoCarlo Serra / La voce delle paroleMauro La Forgia // RIPRESA DEL TEMA / Il coraggio (e il bisogno) di regredire. Dalla semantica alla fonetica, dal significato al puro e semplice suono delle paroleSilvano Tagliagambe / Robert Walser. L’invenzione del silenzioAntonino Trizzino // INDICE PER AUTORE DEGLI ARTICOLI DI “ATQUE” 1990-2017

 

 
 

[Anteprima delle prime pagine di ogni articolo del fascicolo.]

 

 

 

Nell’intersezione tra filosofia e psicoterapia, tra estetica e psicologia, questo fascicolo di «atque» intende focalizzare l’attenzione sulla voce. E riflettendo su questa fondamentale esperienza umana, si sofferma sul fenomeno del suono delle parole declinandole nella loro fisicità e materialità elementari.

Lasciando sullo sfondo la sfera verbale, il fascicolo mira a porre in primo piano il comunicarsi plurale delle voci, la vocalità dei parlanti, la pura sonorità che apre concretamente qualcuno a qualcun’altro. Non più nascosta dalla parola, la voce viene in tal modo a mostrare il suo volto fonico, comparendo come un oggetto sonoro che apre alla percezione di un interno e un esterno e all’instaurarsi di plurali relazioni.

(altro…)

19 n.s./2016
LOGICHE
DEL RISENTIMENTO

a cura di

Fabrizio Desideri e Paolo Francesco Pieri

 

PREFAZIONE – Fabrizio Desideri e Paolo Francesco Pieri//SAGGI/Ressentiment: il pericolo da superare per Nietzsche-Zarathustra Giuliano Campioni/Raskol, logica del diavolo: il risentimento in DostoevskijSilvano Tagliagambe/Nietzsche “primo psicologo” e genealogista del ressentimentYamina Oudai Celso/Il risentimento e il desiderio mimetico. A partire da René Girard – Stefano Tomelleri/Risentimento, rimorso e viscosità della libidoLuis Kancyper/Rousseau e l’ingannevole sogno dell’utopia come fine del risentimentoAlfonso M. Iacono/Risentimento e vergogna: le basi morali della responsabilitàVanessa De Luca/Ri-sentimenti della rete. OsservazioniUbaldo Fadini//MATERIALI/Sodoma: risentimento e democraziaGiulio Preti con introduzione di Alessandro Pagnini//INDICE PER AUTORE DEGLI ARTICOLI DI “ATQUE” 1990-2016
 
 

[Anteprima delle prime pagine di ogni articolo del fascicolo.]

 

Con questo fascicolo di «atque» intendiamo riflettere su quella più o meno segreta perturbazione emotiva, molto umana, che è il risentimento. Se lo assimiliamo a un’onda, tanto consideriamo pericoloso provare a cavalcare una qualsivoglia onda del risentimento che ci abbia pure involontariamente attraversato, quanto consideriamo necessario provare a comprendere cosa sia, come si sia generata, come possa propagarsi dentro e fuori di noi, come possiamo governata, e come magari possa dissolversi.

L’intento è quello di perimetrare questa complessa affezione: seguendo le declinazioni delle sue espressioni, ricostruendone gli itinerari e conoscendone le diverse geometrie sarà possibile evidenziarne le varie logiche. E nello svolgere questo compito, seguiremo – come al solito – le differenti prospettive che sono venute a darsi su questo tema nei vari ambiti di ricerca in epoca moderna e non solo. Si pensi soprattutto a studi e ricerche sul risentimento che vanno dalla filosofia all’antropologia politica, dalla filologia alla psicologia (ma anche alla psicologia morale), dalla letteratura alla fenomenologia, dalla sociologia alla psicoanalisi. E quindi alle riletture di vari pensatori che vanno da Nietzsche (nel suo duro confronto con Eugen Dühring) a Hegel, da Montaigne a Girard, da Dostoevskij (che passa attraverso un confronto critico con Sečenov) a Scheler, da Rousseau a Freud (e non solo) sino – su piani diversi – ad Améry, Peter Strawson e Bernard Williams.

(altro…)

18 n.s./2016
L’OPACITÀ
DELL’OGGETTUALE

a cura di Fabrizio Desideri e Paolo Francesco Pieri

 

PREFAZIONEFabrizio Desideri e Paolo Francesco Pieri//IL TEMA/Opacità del mondo e conoscenza Giuseppe Vitiello//PRIMO MOVIMENTO/Sulla resistenza delle coseLuca Taddio/ Percezione e resistenza dell’oggettoAlfredo Paternoster//SECONDO MOVIMENTO/Identità corporea e identità narrativa – Massimo Marraffa/Divenire cosa divenire corpoFelice Cimatti/Oggetti dentro i corpiAugusto Iossa Fasano//TERZO MOVIMENTO/Un tocco di ri-guardoFelice Ciro Papparo/Il carcere, la tomba, il fango. Sulla fortuna di alcune immagini da Platone all’età di PlotinoMartino Rossi Monti//QUARTO MOVIMENTO/Il vetro e il velluto. La casa tra opacità e trasparenzaElisabetta Di Stefano/Bartleby o l’opacità. L’uomo segreto nella letteratura americana – Antonino Trizzino//RIPRESA DEL TEMA/Il fattore opacità. Stupidità e indeterminazione in Gilles DeleuzeUbaldo Fadini//INDICE ARTICOLI “ATQUE” 1990-2016
 
 

[Anteprima delle prime pagine di ogni articolo del fascicolo.]

 

Questo fascicolo di «atque» riflette sull’intrinseca, originaria e fondamentalmente positiva, opacità del reale. Ovvero sul carattere di opacità e insieme di concretezza delle cose, delle persone, degli eventi a cui, d’altronde, varie pratiche di studio e riflessione sembrano ormai rinviare: dalla percezione all’attenzione, dal darsi del dentro e del fuori, alla relazione tra mente e corpo e tra soggetto e oggetto.

Opacità degli oggetti fisici e della materia delle cose: materialità, attrito, resistenza, persistenza, “quel che resta”, “il soggetto sottostante” non fanno altro che comporre un corollario della opacità delle cose – così come esse appaiono nel nostro campo visivo. D’altronde, nella visibilità – nel gesto della visione che accompagna il nostro situarci nel mondo – le cose, le persone, le situazioni si dispiegano nella nostra vita proprio per il loro carattere opaco e insieme concreto.

(altro…)

17 n.s./2015
IL LAVORO
DELLE EMOZIONI

a cura di Fabrizio Desideri, Mauro La Forgia, Paolo Francesco Pieri

 

PREFAZIONE I curatori//IL TEMA/Affetto, emozione e conoscenza Gianluca Consoli/Livelli di emozione – Silvano Tagliagambe//PRIMA VARIAZIONE/La natura delle emozioni. Il dibattito fra Martha Nussbaum e Paul E. GriffithsRossella Guerini, Massimo Marraffa/ Sul concetto bioniano di contenitore/contenutoGiuseppe Civitarese/L’esperienza delle emozioni nell’incontro analiticoFranco Bellotti//SECONDA VARIAZIONE/La coscienza affettiva. Emozione e cognizione nel determinismo della coscienza – Stefano Fissi/Il concetto di psicosi unica è ancora valido per una comprensione dei processi affettivi nelle psicosi?Paola Cavalieri//TERZA VARIAZIONE/Verso le emozioni artificialiGiuseppe O. Longo/La macchina morbida. Androidi, emozioni e altri oggetti non identificati nella fantascienza di Philip K. DickAntonino Trizzino//RIPRESA DEL TEMA/Sembra viva! Estetica del perturbante nell’arte contemporaneaPietro Conte//INDICE ARTICOLI “ATQUE” 1990-2015
 

[Anteprima delle prime pagine di ogni articolo del fascicolo.]

 

Possiamo intendere le emozioni come processi psichici relativi sia a cambiamenti corporei sia a stati non ancora pienamente circoscritti nella dimensione spazio-temporale. A ogni modo le emozioni sono ciò che, in un certo senso, predispone la nostra esistenza nel mondo, accompagnando, quasi musicalmente, il nostro esistere nel tempo e colorando, quasi pittoricamente, ogni nostro esperire.
(altro…)

16 n.s./2015
LE FIGURE DELLA CURA. PRATICHE PSICOTERAPEUTICHE E PRATICHE FILOSOFICHE

a cura di Roberto Manciocchi, Paolo Francesco Pieri, Amedeo Ruberto

 

PREFAZIONE I curatori//PARTE PRIMA – SULLA CURA/Paolo Francesco Pieri, Tra psicoterapia e filosofia. Ovvero sulla cura e le sue varie declinazioni/Fabrizio Desideri, Dialogo sulla cura//PARTE SECONDA – DI COSA AVER CURA/Carlo Sini, Aver cura del sapere/Adriano Fabris, La filosofia e la cura di sé/Remo Bodei, Curare il dolore dell’anima. Su alcune tecniche eterodosse e sulla funzione terapeutica della filosofia//PARTE TERZA – ATTRAVERSO COSA SI CURA/ Mario Vegetti, Fra Platone e Galeno: curare il corpo attraverso l’anima, o l’anima attraverso il corpo?/ Alessandro Pagnini, Ma le storie, curano? Storie, simboli, effetti placebo/ Amedeo Ruberto, Condivisibile e non condivisibile. Note su una visione etico-politica della psicoterapia/ Marino Rosso, La filosofia come terapia, saggio su Wittgenstein//PARTE QUARTA – DOVE ACCADONO LE PRATICHE DELLA CURA/ Luciano Mecacci, Cos’è il teatro della mente?/ Silvano Tagliagambe, La cura nello spazio intermedio tra il corpo e la psiche/ Roberto Manciocchi, Il non-luogo della psicoterapia/ Maurizio Alfonso Iacono, La cura tra malinconia e autonomia/ Raffaele Popolo, Chiara Petrocchi, Le rappresentazioni mentali in psicoterapia cognitiva//PARTE QUINTA – IMMAGINI DEI TRAGITTI DI CURA/ Mauro La Forgia, Venticinque anni di Atque. Un tragitto di vita e di cura/ Maria Ilena Marozza, Immagini prospettiche della cura. A mo’ di postfazione//GLI AUTORI//INDICE ARTICOLI “ATQUE” 1990-2014
 

[Anteprima delle prime pagine di ogni articolo del fascicolo.]

 

A questa ricerca partecipano sedici pensatori italiani provenienti da ambiti disciplinari diversi e diversamente confinanti tra loro: dalla psicologia all’estetica, dalla filosofia teoretica alla psichiatria, dalla psicoterapia variamente orientata alla filosofia antica, alla storia della scienza e altro ancora.
Gli studi che si raccolgono, hanno in comune l’intento di cogliere le pratiche psicoterapeutiche e quelle filosofiche allorché nel loro intrecciarsi vengono a configurare differenti modi in cui si esercita la cura.
(altro…)

15 n.s./2014
DOVE COMINCIA LA MALATTIA MENTALE. IL PROBLEMA DELLA DIAGNOSI

a cura di Paola Cavalieri, Maria Ilena Marozza e Paolo Francesco Pieri

 

PREFAZIONE/INTRODUZIONE/Paola Cavalieri, “Verso una psichiatria critica”/PARTE PRIMA – RIFLESSIONI/Arnaldo Ballerini, “Dove e quando comincia la schizofrenia?”/Massimiliano Aragona, “Oltre l’attuale crisi della nosografia psichiatrica: uno sguardo al futuro”/Arnaldo Benini, “La coscienza e il cervello. Raccomandazioni di un fisicalista a chi indaga sulla mente”/Elisabetta Sirgiovanni, “Riduzionismo in un’ottica pluralista: riflessioni epistemologiche sulla spiegazione neuroscientifica in psichiatria”/Paolo Francesco Pieri, “L’esperienza del pensare. I saperi come limiti e come risorse del pensiero”/ PARTE SECONDA – CLINICA/Fausto Petrella, “Diagnosi psichiatrica e dintorni: considerazioni di un clinico”/Enrico Ferrari, “L’alludere del conoscere clinico. La diagnosi nella prospettiva fenomenologica”/Francesco Di Nuovo, “Operai babelici, camaleonti di metodo: l’ineludibile dialogo interiore del diagnosta”/Maria Fiorina Meligrana, “Vite assediate. Riflessioni psicopatologiche sulla diagnosi di disturbo ossessivo”/PARTE TERZA – CULTURA/Angela Ales Bello, “Comprendere le psicopatologie. Un approccio filosofico-fenomenologico”/Enzo Vittorio Trapanese, “Il disagio psichico e l’interpretazione del mondo sociale”/Roberto Beneduce, “‘I doppi dimenticati della storia’. Sofferenza, diagnosi e immaginazione storica”

 

[Anteprima del numero in cui sono visibili le prime pagine di ogni articolo.]

 

Il problema della diagnosi è una sorta di ombelico denso della psichiatria ma anche della psicologia, dove confluiscono tutte le discussioni, gli orientamenti, i punti di vista, spesso radicalmente differenti, che lacerano il tessuto teoretico, clinico e pragmatico di queste discipline. Esso è attraversato dalle questioni metodologiche, ontologiche e genericamente linguistiche che riguardano ogni tentativo nosografico. (altro…)

14 n.s./2014
LA PAROLA CHE IMMAGINA

a cura di Mauro La Forgia e Maria Ilena Marozza

 

INTRODUZIONE/Mauro La Forgia, Maria Ilena Marozza/IMMAGINI E PAROLE. CONTAMINAZIONI PERSUASIVE/Pietro Conte, “Metapherein. Il paradigma metaforico tra parola e immagine”/Graziella Berto, “Immagini di pensiero”/Mauro La Forgia, “Le immagini come prassi dell’eccedenza”/Michele Di Monte, “Metafore vi(si)ve? I limiti del linguaggio figurato nel linguaggio figurativo”/Tonino Griffero, “Forte verbum generat casum. Espressione e atmosfera”/L’ESPERIENZA DELLE IMMAGINI/Paolo Spinicci, “Immaginazione e percezione nell’esperienza pittorica”/Antonino Trizzino, “La fisica dell’immagine. Sguardo anatomico e sguardo poetico”/Elio Franzini, “Arte, parola e concetto”/Elena Gigante, “Del miraggio, della trasparenza. Le immagini sonore tra limite e sacro”/IMMAGINI E CURA/Gerardo Botta, “La traducibilità trasformativa del linguaggio”/Angiola Iapoce, “L’incompletezza dell’umano: configurare, costruire, testimoniare”/Gaetano Benedetti, Maurizio Peciccia, “Il disegno speculare catatimico”

 

[Anteprima del numero in cui sono visibili le prime pagine di ogni articolo.]

 

Il dibattito sulle immagini si è sviluppato, negli ultimi anni, in modo molto intenso. In questo fascicolo di Atque vorremmo affrontare questo tema con un’angolazione particolare, occupandoci degli effetti di senso prodotti dalle intersezioni, nelle pratiche comprensive umane, di immagini e linguaggio. (altro…)

13 n.s./2013
PRIMA E TERZA PERSONA. FORME DELL’IDENTITÀ E DECLINAZIONI DEL CONOSCERE.

a cura di Fabrizio Desideri e Paolo Francesco Pieri

 

INTRODUZIONE/Fabrizio Desideri, “Parva tragoedia gramaticalis ovvero Impossible love”/TESTI/Arnaldo Ballerini, “Dalla clinica del “caso” all’incontro: verso una psicopatologia della prima persona”/Roberta Lanfredini, “Materia cosciente fra prima e terza persona”/Rossella Fabbrichesi, “Sé, io, me: la psicologia della coscienza di Georg Herbert Mead”/Mariagrazia Portera, Mauro Mandrioli, “Chi sono io? Forme dell’individuo fra filosofia e biologia”/Michele Di Francesco, Alfredo Tomasetta, “Mente cosciente e identità personale”/Pietro Perconti “I limiti delle storie su se stessi”/Patrizia Pedrini, “Sul fallimento dell’autorità epistemica in prima persona”/Giampiero Arciero, “Il problema difficile e la fine della psicologia”/MATERIALI/Gertrude Elizabeth Margaret Anscombe, “La prima persona”/Nota bio-bibliografica a cura di Carlo Gabbani

 

[Anteprima del numero in cui sono visibili le prime pagine di ogni articolo.]

 

 

Scena a due voci. A parlare sono la Prima e la Terza persona. La Prima (Ego/Io) parla/canta con lo stesso timbro di voce, a cambiare sono gli accenti: dal supplichevole allo scorato e così via. L’impressione, in ogni caso, è quella di un tono di voce impostato, leggermente artificioso e pateticamente teatrale. La Terza parla/canta alternando tre diversi registri (medio, acuto e grave) e si presenta con tre diverse figure equivalenti ai tre diversi generi: Ille/Lui, Illa/Lei, Illud/Esso (naturalmente i tre diversi registri si mescolano, con prevedibili prevalenze). Si tratta però della stessa Persona. Sempre si ha l’impressione di un dire/cantare naturale e disinvolto. A prevalere, anche laddove il discorso si fa concettualmente aspro dal punto di vista dell’astrazione, è il tono di una sovrana e bonaria ironia. A fronteggiarsi, dunque, sono solo due voci. Questo, però, non è un dialogo. È la rappresentazione della sua grammaticale impossibilità. Il dire delle voci è quasi cantato in forma di recitativo, tranne alcune eccezioni quasi tutte riguardanti la Prima persona […]. (altro…)

11 n.s./2012
PERVASIVITÀ DEL CONTATTO

a cura di Anna Gianni, Roberto Manciocchi e Amedeo Ruberto

 

PREFAZIONE Paolo Francesco Pieri/INTRODUZIONE Anna Gianni, Roberto Manciocchi, Amedeo Ruberto/PARTE PRIMA – INTENZIONALITÀ, RELAZIONALITÀ, ESPERIENZA/Luca Vanzago, “Le relazioni naturali. Il relazionismo di Whitehead e il problema dell’intenzionalità”/Roberto Ferrari, Ricardo Pulido, “L’esperienza animale del contatto. zoo-fenomenologia e addestramento meditativo”/Anna Fusco di Ravello, “Il giro della prigione”/Amedeo Ruberto, “Dell’impossibilità del non essere in contatto. Contributo allo sviluppo della psicologia analitica”/PARTE SECONDA – CONTATTO SIMBOLICO, RIMANDO, ASSENZA/Enrico Castelli Gattinara, “Zero come simbolo: uno sconfinamento indeterminato”/Attilio Scarpellini, “L’impronta. Trattenere i corpi, toccare le immagini”/Roberto Manciocchi, “Pratiche del contatto, pratiche del contagio”/PARTE TERZA – QUALE CORPO PER IL CONTATTO/Roberto Diodato, “The touch beyond the screen”/Massimo Caci, “Contatto vs perdita del contatto. Per una antropologia dell’ambiente da Eugène Minkowsky a Gilles Deleuze”/Anna Gianni, “Andirivieni di contatti tra corpo e mente”

 

Viviamo un mondo dispiegato dal nostro linguaggio e le relative pratiche.

Facendo un elenco un po’ alla rinfusa, posso dire che nel mondo delle pratiche psicologiche e gli ambiti confinanti, la fanno attualmente da padroni termini e concetti come: ‘relazione’, ‘differenziazione’, ‘individuale’, ‘spiegazione’, ‘distanziazione’, ‘astratto’, ‘mediatezza’, ‘segno’, ‘aut-aut’, ‘mente’, ‘oggetto’, ‘conscio’, ‘sapere’, ‘confini’. (altro…)